venerdì 15 aprile 2011

Pandora Design - il concetto usa&getta





Nella settimana del Salone del Mobile 2011, è d'obbligo parlare di
design, novità e pezzi cult

Nel 2001 la giuria del 19° premio Compasso D'oro premia Pandora Design, prendendo atto del valore della ricerca nella produzione dell' usa&getta, lodevole di un risultato di ulteriore sviluppo nella produzioni di oggetti di consumo col beneficio della biodegradabilità, eliminando così l’impatto ambientale dovuto a una marea di stoviglie in plastica scartate.

Visto nei Musei:

Come il museo Cooper-Hewitt anche il Moma di New York, il più importante museo al mondo di arte moderna, espone e vende Pandora Design, il Maestro di Casa leader nel banqueting utilizza sistematicamente i prodotti Pandora o per esempio il marchio Bulgari, in occasione dell'inaugurazione del suo primo Hotel a Milano si è servito di una serie di prodotti Pandora Design appositamente personalizzati per l'evento.




Feste, cene con amici, compleanni o aperitivi con tanti invitati?
In queste situazioni l'utilizzo dei piatti e dei bicchieri che si adoperano tutti i giorni puo' diventare impegnativo. A volte non bastano, altre risultano inadeguati e volta concluso il momento conviviale, chi sistema tutto???




Indicato per chi vuole una soluzione easy, senza rinunciare al colore e al design, in plastica, rallegrano la tavola spesso riprendendo con leggerezza e ironia i set di posateria più ricercati, come quelli in argento, o i preziosi piatti in porcellana.


Si può scegliere dalla linea più semplice all'oggetto carico di disegni, delle minisculture.




Ideali per un dessert al cucchiaio improvvisato:

Per un antipasto invece..:



Troppo colore non si addice ad una tovaglia variopinta?
Il trionfo dell' oggetto bianco








Se la situazione è giocosa e originale perchè non aggiungere 
colori e trasparenze?...


non dimentichiamo i più piccoli: agitati e maldestri...che fine farebbero bicchieri di vetro-cristallo, piatti in porcellana e posate appuntite....?






martedì 5 aprile 2011

Couscous zucchine e gamberetti




State tornando a casa dopo una giornata devastante, meeting o commissioni a go-go, figli da accudire e accompagnare ovunque...arriva sera, finalmente ci si riposa .... ma suona il telefono ed eccolo lì..!!!

Un ospite inatteso...e adesso????




Ingredienti_4 persone:

250g ml acqua
250g couscous
2 zucchine
300g di gamberetti surgelati
prezzemolo surgelato o fresco
aglio
olio
vino bianco
sale e pepe





Procedimento:

- portare ad ebollizione l'acqua, salare e aggiungere un cucchiaio d'olio per persona

nel frattempo...
- far soffrigere in una padella antiaderente olio, aglio, gamberetti, prezzemolo
- lavare le zucchine e usare la grattugia per formare delle leggere striscioline
- aggiungere le zucchine ai gamberetti, sale e pepe
- togliere l'acqua dal fuoco e versare i granelli di couscous
- mescolare delicatamente e lasciar gonfiare per 2 minuti
- aggiungere una noce di burro e cuocere a fuoco lento per 3-4 minuti mescolando con una forchetta

unire tutti gli ingredienti oppure....





Una volta cotto sia couscous sia zucchine e gamberetti ...occupiamoci della presentazione...


Guarnire il piatto a piacimento, dopodichè prendere un anello di alluminio,
posarlo sul piatto e riempire in ordine
di couscous, zucchine e gamberetti.






Con questa ricetta partecipo al contest:


lunedì 4 aprile 2011

Dalla verde "pentola magica" uscì...una ricetta per studenti indaffarati


categoria fast&cook e chip&cook


Dopo ore passate sui libri, al pc a disegnare ad Autocad o a tagliare e incollare pezzi di balsa, il pranzo per noi studenti di architettura è sempre stato un miraggio... un bel piatto di pasta energizzante, saziante, gustoso.. 

Questa volta non mi accontenterò di una semplice pastasciutta, bensì di una composizione di pasta.....creata in meno di 30 minuti!




Ingredienti_1 persona:

100g pasta Garofalo "RADIATORI n°87"
1 zucchina tonda
una manciata di pomodori datterini
3 alici sotto sale
1 mozzarella
sale
peperoncino
olio
aglio





step by step

1° minuto per riempire un pentolino con acqua (per la pasta) e una pentola più grande per far lessare la zucchina precedentemente lavata e posizionata immediatamente in pentola

2°-3° minuto per sbucciare uno spicchio d'aglio, metterlo in padella antiaderente con olio, alici e peperoncino, soffriggere coperto a fuoco medio e unire i pomodorini tagliati a metà

12° minuto per attendere l'ebollizione dell'acqua, salare e buttare la pasta radiatori Garofalo (9 minuti di cottura)

20° minuto per estrarre la zucchina cotta, tagliare il "cappello" e svuotarla della polpa

22° minuto per scolare, condire e unire la mozzarella

26° minuto per riempire la zucchina e servire

=

meno di 30 minuti!






Con questa ricetta partecipo al contest:


venerdì 1 aprile 2011

Oggi si pranza in un "Prato di Margherite"...




...immagina di camminare in un Prato di Margherite..



alcuni dettagli della mise en place


...cereali, gocce di rugiada, margherite e recinzioni in ferro...
diventano
...pane e grissini kamut, decorazioni in vetro, composizione floreale e il cestino del pane...

 ...ispirata dalla naturalezza e semplicità degli elementi messi in gioco...
tavolo in legno e un mix di stili inusuale: il servizio di bicchieri della nonna, posate sambonet, piatti quadrati, tovaglietta all'americana bianca in cotone e 
cestino del pane con retina in filo di ferro










Ingredienti:

rotolo di pasta sfoglia rettangolare
1 uovo
100g di prosciutto cotto
4 zucchine
300g ricotta
una tazza di parmigiano grattugiato
sale


Procedimento:

 cuocere a vapore le zucchine e lasciare che abbiano una consistenza da media cottura
 accendere il forno a 170°
 stendere la pasta e ricoprirla di prosciutto cotto
 amalgamare la ricotta e il parmigiano reggiano
 dopo che le zucchine si saranno raffreddate, tagliarle per il lungo a strisce spesse 3 mm
 aggiungere lo strato di zucchine e salare
 ricoprire lo strato di zucchine con la crema di ricotta
 iniziare a formare il rotolo aiutandosi con la carta forno e spennellando con l'uovo sbattuto le parti di pasta che andranno all'interno


infornare con la carta da forno che avvolge il rotolo come una caramella
in forno per 40 minuti
una volta sfornato, farlo raffreddare e tagliarlo a fette


Adatto da servire sia caldo sia freddo, dipende dai gusti e dall'occasione. Nel mio pranzo si tratta di un antipasto primaverile dai colori tenui; per guarnizione un mazzetto di erba cipollina annodato, sono i fili d'erba rubati dal prato...



i dettagli sulla tavola archcook:



posate Sambonet




Cioccolato, panna, fragole e zucchero giocano ai quattro cantoni




Per chi pensa che stasera tornerà tardi a casa e non volesse rinunciare ad una sorpresa per la dolce metà, ecco un suggerimento che tra colori e golosità annullerà lo stress della settimana appena trascorsa!

chip-cook, fast-cook, cool-cook

Cosa serve?

Ingredienti:

- panna fresca da montare e zuccherare
- budino al cioccolato, confezionato o da preparare con le buste (dai non mi criticate..lo trovo un salvavita irrinunciabile)
- fragole fresche
- zucchero a velo

Ogni angolo del piatto ha la sua porzione di dolce!
Per questa occasione ho comprato anche questi piattini squadrati e bombati, abbinati ad un sottopiatto tondo e cucchiaini dal design speciale.

Attenzione a non far smontare la panna.
Per verificarne che la consistenza, provate ad inclinare il contenitore: se il contenuto si muove, fate andare le fruste ancora, se è bloccato e compatto...fermi! è pronta! Invece, per ottenere un budino abbastanza cremoso, aggiungete più latte di quello richiesto dalle istruzioni (mezzo bicchiere) e servirlo ancora tiepido!