mercoledì 13 giugno 2012

Ristorante con orto da Alice Delcourt - Erba Brusca



Mamma inglese, papà francese, cresciuta in America, si trasferisce in Italia per trascorrere il periodo dell’erasmus del suo corso di studi in Scienze e Politiche, da quel momento si innamora dell’Italia e sceglie di coltivare una delle sue grandi passioni nate osservando la nonna all'opera: la cucina. Un background variegato, quando si dice di seguire il proprio istinto ed essere determinati fino ad aprire il ristorante Erba Brusca a Milano.
Non ama passare in sala tra i tavoli, per timidezza, per paura di disturbare, ma nulla le sfugge!
Dopo una maratona di 3 ore per non deludere le aspettative del pubblico intervenuto a domenica 10 Giugno dedicata al Rubitt – Dopolavoro Bicocca, si è raccontata con simpatia e leggerezza, una chiacchierata tra ragazze.

Prime esperienze in cucina?
Dal River Cafè di Londra per apprendere i concetti di rispetto ossequioso delle stagioni, freschezza della materia prima e sostenibilità in ogni passaggio di produzione. Segue il Park Hyatt a Milano, il Liberty da Andrea Provenzani infine da Alice: "Sarò sempre grata a Viviana Varese, con lei ho imparato a cucinare d'istinto e tutto ciò che si può sapere sul pesce"

Dopo aver dato un morso alla vostra focaccia, sono rimasta in meditazione qualche secondo…come mai focaccia, scalogno e zola insieme al caramello?
Capitava che la mattina si arrivasse a lavoro trovando in cucina la focaccia, preparata dal mio collaboratore ligure, avanzata dalla sera precedente; affamati come non mai e ingolositi, si recuperava un pezzo di cioccolato, del formaggio o altro senza badare all’eccellenza dell’abbinamento fino a all’ennesimo tentativo con risultato stupefacente. Decretammo vincitrice la Focaccia scalogno, zola e caramello come sfizio di benvenuto al tavolo. 

Sostenibilità, natura, km zero, usi fiori in cucina?
Abbiamo piantato moltissimi ortaggi, miro alla freschezza del prodotto, all'"orto in cucina".. Fiori ed erbe stanno crescendo, per esempio abbiniamo la burratina all’insalata dell’orto. Amo il gusto agrodolce, mi piace servire la frutta insieme alle carni e al pesce.

Dall’America all’Italia, hai importato qualche ricetta del tuo paese d’origine?
Assolutamente si! Direttamente dalle grigliate che organizzavamo nel North Carolina, spalla di maiale strappato con salsa BBQ invece come dolce una variante del cheesecake con robiola di capra italiana. La domenica serviamo il classico brunch americano al tavolo.








Alzaia Naviglio Pavese 286
Milano 20142

1 commento:

monica ha detto...

che meraviglia, amo i percorsi alternativi in una vita che poi sfociano nella cucina. post interessante. mi segno l'indirizzo. a presto mony