lunedì 28 gennaio 2013

BE POSITIVE - Crema di carciofi con scaglie di pancetta disidratata



Ho sempre pensato di essere una persona complicata, introversa durante i primi incontri con persone nuove, attenta ad analizzare ogni dettaglio, senza farsi sfuggire nemmeno un gesto istintivo come scostarsi i capelli, la postura da seduto o la camminata. Il modo di gesticolare, quel gergo  adolescenziale o fin troppo aulico. Troppo esuberante e loquace non appena percepisce di aver raggiunto la giusta confidenza. In questo periodo dove il blocco dello scrittore ha colpito anche la sottoscritta, il caos si è impossessato del mio piccolo e delicato cervello, gli esami non finiscono mai, la Terra porta a termine la sua rotazione ogni giorno, e forse qualche cosa sfugge al mio controllo...fino a quando ti propongono una piccola parte in un video-spot:
"La seduta dallo psicologo" giovane donna sommersa dalle paranoie, prigioniera di quelle convinzioni che le hanno tarpato le ali per troppo tempo. Sono io?!!

Ancora dubbiosa se interpretarlo come un segno su cui riflettere, ritorno nel tunnel delle 100 domande e 1000 perplessità che mi inducono il 90% dei casi a rifugiarmi tra i fornelli. Un modo come un altro per evadere dalla routine, assimilare l'informazione appena pervenuta, elaborare la giusta soluzione al problema...Tutta colpa di quei carciofi rimasti in frigorifero ad attendere la mia venuta!!!

Oggi presenterò una favolosa crema di carciofi, risultato di una notte in bianco, dove l'istinto ha preso il sopravvento. Io e il mio amico istinto formiamo sempre una bella squadra...leggete un po':

Ingredienti

6-8 carciofi 
1-2 patate
1 scalogno
olio evo
sale - pepe
1 e 1/2 dado vegetale
100 gpancetta coppata

Assolutamente indispensabile la pentola con cui sono riuscita a mantenere la giusta umidità all'interno del contenitore per conservarne intatto e intenso il profumo e la qualità del prodotto 


Procedimento

Mondare i carciofi eliminando tutte le spine, pelare le patate
Soffriggere in olio evo scalogno, carciofi tagliati in quarti, le patate a rondelle e 2 fette di pancetta coppata tagliata a striscioline
Aggiungere acqua fino a ricoprire abbondantemente tutta la verdura in pentola, unire il dado e far cuocere a fuoco medio per almeno 50 minuti, fino a che i carciofi non diventeranno morbidi e l'acqua non sarà in parte evaporata
Spegnere il fuoco e attendere qualche minuto prima di frullare il tutto 

Quando avrete ottenuto la crema di carciofi sarà il momento di armarsi di tanta forza e pazienza per passarla attraverso il colino, in modo tale da eliminare tutti i filamenti residui dei carciofi che risulterebbero fastidiosi in bocca
Disidratare a forno ventilato 180°c qualche fetta di pancetta coppata fino a quando non sarà diventata rigida e croccante e si potrà sbriciolare con le mani

Una volta terminato il lavoro la vostra crema è pronta per essere riscaldata, corretta di sale e pepe, e servita con scaglie di pancetta disidratata



dettagli archcook:

mai più senza, la mia salvezza Staub-Pentola ghisa
piatti Ikea
posate commestibili in pasta sfoglia




Vince il contest Toschi...





Udite, udite! Visto che le feste sono solamente un lontano ricordo, sarebbe anche ora di decretare il vincitore del contest sostenuto da Toschi. Che dite?

Con grande piacere, siamo lieti di premiare per la ricetta presentata con entusiasmo, preparata i primi giorni di Dicembre, ma che già 'profuma' di Natale. Molto nitida e curata l'immagine, ingredienti speciali, ricercati, in linea con il tema. Apprezzata la scelta di aggiungere, come suggerito, quel tocco di rosso che non guasta mai...ha conseguito il punteggio più alto:






Grazie a tutti i partecipanti e attendiamo i recapiti della vincitrice per poterle spedire il meritato premio!

giovedì 17 gennaio 2013

Fagottini con cavoletti di Bruxelles




Piccole creature verde acceso, 3 cm di diametro l'una, raggruppate lungo uno stelo che può raggiungere il metro di altezza, i cavoletti di Bruxelles sono un toccasana per la salute perchè ricchi di isotiocianati, composti chimici in grado di bloccare il diffondersi e la proliferazione di cellule tumorali. 
Fanno parte della famiglia delle crocifere, come cavolo, cavolfiore, broccoli, ravanelli. Ma a differenza di questi ultimi devono essere consumati solo previa cottura. La loro raccolta comincia a Settembre per terminare a Dicembre e la loro coltivazione trova un ambiente favorevole dove il clima è umido e fresco d'estate e mite d'inverno, Paesi Europei quali Olanda, Inghilterra e Francia.

Anche se...nonostante il nome, sembra che i cavoletti di Bruxelles siano originari dell'Italia e introdotti in Belgio dai legionari romani.


Ingredienti

pasta sfoglia
cavoletti di Bruxelles
prosciutto cotto
mozzarella
timo
uovo


Procedimento

Dopo aver cotto a vapore i cavoletti, sminuzzarli con un coltello da cucina Zwilling, aggiungere la mozzarella a dadini, e il prosciutto cotto a striscioline. 
Correggere si sale e timo. Aggiungere un uovo sbattuto.
Preparare dei dischi di pasta sfoglia di 7 cm di diametro, farcire e chiudere la pasta sigillando bene il bordo tondeggiante.
Infornare a 180°C per almeno 35 minuti.
Servire caldi e filanti



Consigli di cottura:
Meglio evitare la lessatura dei cavoli, poichè determina la perdita del 50% delle caratteristiche benefiche dopo mezz'ora di bollitura.
Cottura a microonde e a vapore sono le più consigliate!


domenica 13 gennaio 2013

Bilancia per alimenti BA 2000 Terraillon - Marco Zanuso e Richard Sapper



nome oggetto: BA 2000
funzione: pesa alimenti
disegnato per: Terraillon
designer: Marco Zanuso e Richard Sapper
anno: 1970


Marco Zanuso e Richard Sapper si uniscono per disegnare la bilancia da cucina che porta allegria e colore nelle case, icona degli anni '70. Pratica, compatta, una volta chiusa misura 11,5 cm, profonda 11 cm e larga 16,5 cm. Il recipiente per gli alimenti, capovolto, va a coprire parte del corpo centrale della bilancia restituendo un'immagine dell'oggetto pulita contemporaneamente ironica. Gli anni '70 vedono il design italiano consacrarsi nel panorama mondiale. Si parla di design emozionale, in un periodo di contestazione e riflessione, decori e varietà cromatiche non mancano nelle case degli italiani e ben presto a scala mondiale si faranno strada progetti ambiziosi nel campo del design e dell'architettura. Esposta al Moma di New York, la bilancia pesa alimenti di Terraillon è tutt'ora strumento indispensabile in cucina.


Ti piace leggere del cibo combinato a oggetti di design vintage e contemporanei? 
allora clicca sul cuoricino per votare archcook su Grazia.it!!

mercoledì 2 gennaio 2013

Filetto di maiale e ciliegie sotto spirito - Toschi



Ingredienti

 filetto di maiale
1 scalogno
senape di Dijon
coriandolo in polvere
bacche di pepe rosa
olio extra vergine d'oliva
40ml di rhum
30g burro

20g burro
1 cipollotto in agrodolce
pepe


Prendere appunti e seguire il video tutorial